Costruendo il nostro campeggio

Nel seguente articolo, vi guideremo attraverso il processo di costruzione del nostro campeggio. Abbiamo completato due super comodi e facili da usare toilette compost aka "il tempio della cacca", due docce all'aperto a forma di "yin-yang", una spaziosa stazione di lavaggio, e un "area relax" sociale. Tutto è venuto fuori proprio come l'avevamo immaginato e - anche dopo un anno - siamo ancora molto contenti del risultato.

Quando abbiamo deciso di organizzare il " workshop di costruzione naturale " nel settembre 2020, sapevamo che ci aspettavano alcune settimane di duro lavoro per costruire un'area di campeggio confortevole per ospitare le esigenze di 12-15 studenti. È stata una bella sfida, dover costruire tutto questo nel caldo mese di agosto!

E abbiamo dovuto ricominciare da zero: C'erano solo ulivi, un piccolo prato e un rudere.

Ma con l'aiuto dei nostri volontari, specialmente René, Markus e Nina, abbiamo iniziato a trasformare rapidamente l'area in qualcos'altro. Per prima cosa, abbiamo installato una piccola falegnameria esterna da dove avremmo costruito tutti i componenti per i toilette a secco, le docce e la stazione di lavaggio.

Vista della nostra stazione di lavoro temporanea sul piccolo prato.

Toilette compost, alias "Tempio della cacca".

La nostra prima priorità per le toilette compost era la durata e il comfort. Volevamo creare una struttura che durasse nel tempo e che potesse ospitare comodamente due persone allo stesso tempo (in scomparti diversi, ovviamente 🙂 ).

Inoltre, dovrebbe essere facile da mantenere e pulire in modo efficiente.

La posizione che abbiamo scelto per il toilette compost avrebbe dovuto contribuire a quest'ultimo aspetto. Abbiamo trovato un posto perfetto che era abbastanza vicino allo spazio della tenda e offriva due diversi livelli di altitudine.

La ragione per costruire la struttura su due livelli è che al livello superiore si avrà un comodo accesso agli spazi dei bagni, mentre al livello inferiore si avrà un facile accesso alla zona di manutenzione con tutti i bidoni e i contenitori. In questo modo, l'uso confortevole è garantito sia per i visitatori dei servizi igienici che per la squadra di manutenzione (noi 🙂 ) per fare la routine di pulizia settimanale.

In questa immagine, possiamo vedere i due livelli in costruzione. La parte inferiore è lo spazio per i bidoni e i contenitori. La parte superiore contiene i due bagni e l'ingresso.

Appena scelto il sito, abbiamo iniziato con le fondazioni per i pilastri principali. In questo caso, abbiamo usato una miscela di cemento/ghiaia principalmente perché la nostra attenzione era sulla durata e anche perché c'è un alto rischio di erosione intorno a un terreno terrazzato che consiste principalmente di terreno sabbioso.

Chris che fissa i pilastri di legno sulle fondamenta di cemento.

Dopo che le fondamenta si sono asciugate, abbiamo iniziato a costruire la struttura in legno e abbiamo innalzato i nove pilastri principali.

Vista della struttura principale impostata su 9 punti di fondazione. I due gradini di legno che portano alle toilette dal livello del suolo sono già al loro posto.
Primo "test-drive" della piattaforma di seduta 🙂
Vista della struttura in legno con il primo muro di separazione.
Vista frontale delle due cabine con le pareti laterali finite.
Abbiamo riciclato 2 vecchie finestre verdi. Garantiscono una bella vista sul villaggio e portano personalità all'edificio.
Mario che aiuta a calcolare l'angolo del tetto.
Tagliare i pezzi per fare un sedile del toilette super comodo.
Vista frontale dell'edificio senza il tetto.
Chris usa la motosega per tagliare il supporto del tetto all'angolo giusto.
Uno strumento adeguato per ogni compito farà risparmiare molto tempo.
Vista frontale dell'edificio con il tetto.
Vista del retro con le due finestre verdi in alto e la "zona di manutenzione" in basso. Mancano ancora i contenitori per l'urina.

Fortunatamente, siamo stati in grado di recuperare entrambe le porte e le finestre da una casa abbandonata che stanno dando all'edificio un tocco unico. Alla fine, abbiamo oliato tutta la struttura in legno (abete di Douglas) con olio di lino per proteggerla meglio dalla pioggia.

Una delle ragioni principali per cui la toilette compost funziona così bene senza generare odori sgradevoli è la separazione di liquidi e solidi nella toilette. Un separatore di urina assicura che le feci non ricevano l'umidità in eccesso e possano quindi asciugarsi rapidamente senza generare odori sgradevoli. Un altro enorme vantaggio è che possiamo tranquillamente compostare il prezioso "humanure" (feci) e usare l'urina diluita con acqua come fertilizzante liquido ad alto contenuto di azoto per i nostri ulivi.

Per le sue dimensioni, la durata dei materiali e l'efficienza abbiamo deciso di chiamarlo Il Tempio di Cacca 🙂

Docce Yin & Yang

Una delle nostre prime idee è stata quella di costruire due docce esterne intrecciate a forma di goccia o del simbolo Yin e Yang (che può essere visto solo dalla prospettiva di un uccello).

Tuttavia, ci siamo presto resi conto che alcune modifiche dovevano essere fatte alla forma originale per renderla funzionale e per poter entrare e uscire dal "labirinto".

Seguendo il principio della permacultura, "Ogni elemento svolge molte funzioni" (almeno tre), ci eravamo messi in testa una soluzione che ci avrebbe permesso di riutilizzare le acque grigie delle docce e di farle circolare nella nostra terra il più a lungo possibile. Dal punto di vista della permacultura, le docce non solo puliscono i nostri ospiti, ma ci ispirano con la loro bellezza e, soprattutto, ci aiutano anche a irrigare i nostri alberi di agrumi.

Sapevamo che questo avrebbe richiesto una sorta di processo di pulizia prima di poterlo utilizzare per l'irrigazione. Continuate a leggere e scoprite il processo passo dopo passo della costruzione delle docce e del giuncheto per filtrare l'acqua fino al momento in cui finalmente abbiamo potuto lavare il sudore e la polvere dalle nostre facce felici quando le docce erano finite.

Tutto è iniziato con un buco di circa 4 metri di diametro.

René ci ha aiutato a fare la buca. Possiamo vedere il mix di terreno sabbioso e argilloso che si trova in quel punto.
Vista del luogo per la futura docciaa.

In mezzo alle due docce, abbiamo installato un sistema di drenaggio e un tubo che avrebbe trasportato le acque grigie verso il giuncheto.

René copre il tubo che collega le docce con il giuncheto. Le tavole di legno sono state usate come base indipendente per le pareti.

Abbiamo steso un liner di stagno di 4x4m (plastica nera impermeabile) per raccogliere tutta l'acqua delle due docce. Poi l'abbiamo riempito di ghiaia fino a raggiungere il livello del terreno.

Vista della buca coperta dal telo da laghetto.
Abbiamo aggiunto della ghiaia sul telo da laghetto.
Al centro si può vedere la scatola di drenaggio per raccogliere l'acqua.
Vista della struttura di supporto dei pali. I tubi di ingresso dell'acqua possono anche essere visti al centro.

Una volta che il sistema di raccolta dell'acqua era quasi finito, abbiamo proceduto con l'installazione dei pali per sostenere le pareti delle docce. Poiché il telo del laghetto non poteva essere forato o danneggiato, abbiamo dovuto costruire una struttura di legno indipendente a cui fissare le pareti.

Dopo che la struttura è stata finita, abbiamo coperto le tavole con la ghiaia.

Per le pareti della doccia, abbiamo scelto la varietà locale di canna, poiché cresce abbondantemente in questa zona ed è disponibile liberamente tutto l'anno. Ognuna delle canne è stata tagliata ad una certa altezza (circa 2m) e sono stati fatti un paio di fori alle estremità della canna. 

Poi, una corda metallica è stata inserita attraverso i fori per dare consistenza al muro e per unire canna a canna.

Stazione di lavoro per la creazione dei pannelli di canna.
Vista dei primi metri di muro installati.
Abbiamo incluso una linea di pietre su cui le canne potevano essere appoggiate.
Manca solo un pannello...!

Una volta fatte le pareti, l'unica cosa che restava da fare era collegare i soffioni delle docce con i tubi che venivano da terra. Per l'usabilità e la comodità, Nina ha costruito una piccola panca di legno per ciascuno dei vani doccia.

Dettaglio della doccia.
Fatto! Per una maggiore comodità e bellezza abbiamo raccolto a mano alcune pietre lisce dalla spiaggia
Prospettiva a volo d'uccello:
Una forma Yin-Yang leggermente aperta che permette di accedere a entrambe le docce in modo indipendentey.
Vista del "Tempio di Cacca" e delle docce

Stazione di lavaggio e lavanderia

Ultimo ma non meno importante, avevamo anche bisogno di un posto dove i nostri ospiti potessero lavare i loro vestiti, lavarsi i denti e, fondamentalmente, avere accesso all'acqua.

Da legno di castagno locale recuperato, Nina ha costruito un bel tavolo di legno con un doppio lavandino. Sulla prolunga a sinistra, siamo riusciti a integrare un vecchio lavabo che avevamo trovato nella spazzatura. 

Vista del tavolo di legno con i lavandini ancora in costruzione.
Vista della stazione di lavaggio completata con il vecchio lavabo in cemento.

Naturalmente, abbiamo anche collegato il tubo delle acque grigie della stazione di lavaggio con il giuncheto.

Non volevamo sprecare una goccia della nostra preziosa acqua!

Area relax

Creare uno spazio per le persone per rilassarsi e socializzare dopo il lavoro era l'ultimo dei compiti. Abbiamo pensato che la nostra rovina, un ex edificio agricolo mezzo crollato, potesse servire a questo scopo.

Così abbiamo iniziato a pulire l'interno da tutte le viti selvatiche, i rovi e livellato il terreno. Le pareti semiaperte proteggono l'interno quanto basta dalle raffiche di vento, creando un bello spazio confortevole che abbiamo completato aggiungendo un paio di tavoli e panche di legno.

Abbiamo anche incluso una catena di luci per le sessioni notturne e, soprattutto, una presa di corrente per gli studenti per caricare i loro dispositivi.

Infine, abbiamo incluso una parasole per creare un po' di ombra per le rare occasioni di riposo durante il giorno.

Vista dello spazio "chill-out" all'interno della rovina

Per fortuna, tutti erano entusiasti quanto noi delle nostre nuove strutture del campeggio! Non abbiamo dovuto aspettare molto prima di ricevere dei commenti positivi dai nostri ospiti.

Among many others, we remember the happy face of a student exiting the showers. He came out with a broad smile from ear to ear saying:

“This shower experience has been amazing, I simply love the natural vibe of it”.

Ma non solo noi umani godiamo dei benefici di un campeggio ben progettato. Ricordate: In una prospettiva di permacultura, ogni elemento dovrebbe avere funzioni multiple. In questo caso, anche i nostri alberi e giardini beneficiano indirettamente di queste strutture poiché le feci e l'urina, generosamente prodotte dai nostri ospiti, vengono utilizzate come fertilizzanti.

Nel caso dell'urina, otteniamo un fertilizzante pronto all'uso, ricco di azoto (diluito 1:10 con acqua), mentre preferiamo lasciare le feci alias "humanure" decomporsi per almeno un anno prima di usarle come un emendamento / materia organica per i nostri alberi.

Ci sentiamo orgogliosi di gestire il nostro campeggio in modo sostenibile e speriamo che tutti i nostri futuri ospiti siano altrettanto felici sapendo che l'acqua che usano o i loro "resti" nel toilette di compost saranno alla fine riutilizzati e rimessi nel grande ciclo della vita.

Il ciclo del carbonio dell'olivo

In un ecosistema sano (per esempio una foresta intatta) la natura ha stabilito un ciclo del carbonio continuo con una fornitura costante di materia organica morta (rami, foglie) che cade a terra dove viene ritrasformata per diventare nuovo materiale da costruzione e cibo per tutta la vita vegetale successiva.

Con un sistema di coltura altamente specializzato come un oliveto, un frutteto o anche un orto, dobbiamo lavorare molto duramente per generare un ciclo del carbonio. Se estraessimo solo frutta, verdura o olive e non restituissimo mai nulla per sostenere un ciclo del carbonio, il suolo si impoverirebbe molto presto di materia organica essenziale e avrebbe quindi un impatto negativo sul suolo e sulle colture future.

Prendendo la natura come ispirazione, è importante osservare e capire i processi naturali e poi imitarli. I seguenti 5 passi mostrano le tecniche rigenerative che stiamo usando attualmente per raggiungere questo obiettivo:

1. SPARGERE LA MATERIA ORGANICA

La materia organica più abbondantemente disponibile è prodotta dall'olivo stesso sotto forma di foglie e rami.

Dopo aver potato gli alberi, mettiamo tutti i rami e i rametti in un trituratore e spargiamo i trucioli di legno/foglie sul terreno lungo la linea di gocciolamento dell'albero.

Lungo la linea di gocciolamento troveremo la zona delle radici più attiva. È qui che l'attività microbica è più alta. I microrganismi che sono presenti nella zona delle radici ora colonizzano il materiale organico aggiunto e quindi entrano in uno scambio di nutrienti con il sistema radicale degli alberi. In questo modo, restituiamo la biomassa persa (da vecchie foglie o rami potati) al ciclo naturale dei nutrienti.

(Fonte immagine: www.santabarbaraca.gov)

Perché non bruciamo semplicemente i rami potati come tutti gli altri in questa regione?

Anche se sminuzzare i rami e rimetterli come cippato è un processo molto più laborioso, è anche esponenzialmente più benefico per la salute del nostro suolo.

L'atto di bruciare la materia organica interrompe il ciclo del carbonio, poiché il materiale di carbonio viene perso nell'atmosfera e quindi non può essere utilizzato dai microrganismi per produrre più nutrienti per la crescita di nuove piante.
Inoltre, aggiungendo materia organica al suolo, stiamo attivamente aumentando la capacità della pianta di immagazzinare l'anidride carbonica atmosferica (CO2) nel suolo (cattura del carbonio) e quindi riducendo l'impatto della CO2 come gas serra invece di aggiungere più CO2 all'atmosfera bruciando preziosa materia organica.

Triturare rami d'ulivo con un cippatore
Restituire alla natura invece di bruciarla
Aggiunta di materia organica (trucioli di legno) intorno alla linea di gocciolamento di un olivo

2. PRODUZIONE DI COMPOSTO BIOLOGICAMENTE ATTIVO (solido)

La produzione di compost di alta qualità (= pieno di vita microbica, specialmente funghi) è l'ingrediente fondamentale per una rigenerazione di successo di qualsiasi ecosistema terrestre.

Con l'assistenza attiva della microbiologia presente in un compost completo, possiamo ristabilire anche i terreni più impoveriti e riportarli al loro pieno potenziale naturale. Si tratta di un processo aerobico che deve essere monitorato regolarmente in termini di umidità e temperatura.

Il processo di costruzione del compost comporta la stratificazione di tre materiali diversi:

1. LETAME - con un alto contenuto di azoto, idealmente da erbivori come mucche, cavalli, capre, pecore, conigli (ma anche il letame di pollo funziona).

2. VERDE - materiale con contenuto di azoto come foglie verdi, erba tagliata, steli verdi, rifiuti di cucina, ecc.

3. MARRONE - materiale carbonioso come foglie secche, rami secchi, paglia, ecc.

Usando il giusto rapporto tra questi materiali (normalmente 10% di letame, 30% di verde e 60% di marrone) e una buona gestione dell'acqua del mucchio (vogliamo raggiungere il 50% di umidità), siamo in grado di produrre un compost di alta qualità che contiene tutti i gruppi benefici di microrganismi (specialmente funghi). Questi microrganismi costruiranno un terreno sano, trasformeranno i minerali e la materia organica in nutrienti disponibili per le piante, e proteggeranno la pianta da parassiti e malattie. 

Il tipo di microrganismi può essere determinato sia quantitativamente che qualitativamente con l'aiuto di un microscopio nel nostro laboratorio del suolo. Questo è importante perché significa che sai sempre esattamente con quale microbiologia stai lavorando, dato che non tutti i microrganismi sono utili per ogni scopo.

A seconda del tipo di applicazione, il compost finito può ora essere sparso direttamente sulle aiuole del giardino o intorno agli alberi da frutta o agli ulivi. Questo favorirà la crescita delle piante attraverso l'attività microbica intorno alla zona delle radici. In contrasto con un classico processo di fertilizzazione AFP (dove di solito vengono aggiunti "solo" alcuni elementi come azoto, fosforo o potassio sotto forma di sali), l'applicazione del compost ha un effetto molto più olistico, poiché i microrganismi forniscono alla pianta anche tutti gli altri nutrienti e microelementi e la proteggono da parassiti e malattie.

Come per le piante, questi nutrienti e oligoelementi aggiuntivi saranno in grado di nutrire e guarire il nostro corpo in senso olistico. Presto scriveremo di più sul cibo denso di nutrienti, cercando di delineare come i microrganismi benefici del suolo influenzino il microbioma del nostro intestino e quanto sia importante oggi sapere da dove viene il nostro cibo o come viene coltivato.

A sinistra: Fava coltivata in terreno normale senza compost A destra: Fava coltivata in terreno con aggiunta di compost

L'immagine qui sopra mostra due piante di fave del nostro letto sperimentale in giardino. Sono state seminate nello stesso periodo e avevano circa la stessa altezza quando sono state raccolte. L'immagine a destra mostra una zolla massicciamente ingrandita. Anche la crescita degli steli (5 invece di 3) parla da sola.

A sinistra: la fava coltivata in un terreno normale senza compost
A destra: Fava coltivata nel terreno con aggiunta di compost

3. PRODUZIONE DI ESTRATTO DI COMPOST (liquido estratto dal compost solido)

Se non si può produrre abbastanza compost solido con il processo di compostaggio a caldo, relativamente impegnativo (per esempio per aree/impianti più grandi), c'è la possibilità di lavorare con l'estratto di compost. Il compost solido viene messo in un sacchetto di tessuto e "agitato" in un grande serbatoio d'acqua soffiando aria nell'acqua dal basso. In questo modo, i microrganismi presenti nel compost solido come batteri, filamenti di funghi (ife), amebe o nematodi saranno trasferiti in un mezzo liquido.

Nematode alimentatore di batteri
Microarthropod
Micro-artropodo
Ife di funghi

Dopo un breve periodo, l'estratto può essere applicato direttamente o utilizzato per irrigare un giardino o un oliveto (cioè alimentato in un sistema di irrigazione).

A seconda della quantità di materia organica nel suolo, i microrganismi aggiunti vi si insedieranno e favoriranno così il processo di costruzione del suolo e l'assorbimento dei nutrienti da parte delle piante.

4. PRODUZIONE DI TE' COMPOSTO (liquido estratto dal compost solido)

Il processo di infusione del tè di compost richiede più tempo (24 ore / 48 ore) perché, in questo caso, è necessario aggiungere cibo per incoraggiare i microrganismi a riprodursi nel mezzo liquido. L'applicazione del tè di compost persegue un obiettivo diverso dalla somministrazione dell'estratto di compost. Spruzzato direttamente sulla pianta, il tè di compost forma uno strato protettivo (un cosiddetto biofilm) sulle superfici del fusto/foglia della pianta e la protegge da parassiti e malattie, specialmente su foglie e frutti. Con un rapporto sufficientemente alto di biomassa fungina benefica, il tè di compost serve come fungicida naturale, cioè può prevenire o curare la maggior parte delle infestazioni fungine sulle foglie.

Nella nostra azienda agricola, usiamo sia estratti di compost che tè di compost, sia nei nostri orti che negli oliveti.

Produzione di tè di compost con l'aggiunta di alghe per incoraggiare la crescita dei funghi
Una volta che l'infuso è finito, lo riempiamo in contenitori trasportabili da 25L per portarlo in carriola uno ad uno alla sua destinazione

Come per il compost solido, la stessa regola generale si applica a entrambi i tipi di compost liquido (estratto di compost e tè di compost):

Un microbioma benefico completo fornisce al suolo la giusta biologia responsabile della costruzione di terreni sani e che in cambio genererà piante sane. In questo modo, aumentiamo la resilienza naturale delle piante, in modo che possano resistere meglio alle malattie e di conseguenza è meno probabile che vengano attaccate dai parassiti.

Inoculazione di materia organica con microrganismi benefici

5. RIPETERE REGOLARMENTE I PUNTI 1-4

Finché un ecosistema non è stabilizzato, cioè finché non è in grado di fornire a se stesso tutti i nutrienti necessari o di difendersi dalle malattie, dobbiamo ripetere l'applicazione di materia organica e compost solidi o liquidi. Nel nostro caso, dobbiamo correggere molti anni di pratiche agricole convenzionali in cui l'uso di prodotti chimici tossici e la mancanza di gestione del suolo erano la "normalità".

La buona notizia è che possiamo rigenerare i terreni danneggiati in un periodo di tempo relativamente breve se riusciamo a sostenere e imitare il ciclo della vita in modo adeguato.

SOMMARIO

Se vuoi riportare il tuo terreno al suo pieno potenziale, è imperativo passare prima un po' di tempo a osservare il luogo, la sua topografia, il flusso dell'acqua, la sua vegetazione attuale e altro ancora per trarre le giuste conclusioni per il tuo trattamento a lungo termine del terreno.
Scriveremo di più sul processo di osservazione / come leggere un paesaggio in un altro articolo. Per ora, riassumiamo i principali "ingredienti" per un microbioma più sano e quindi un terreno più ricco:

1. SPARGERE LA MATERIA ORGANICA

Stiamo aiutando la natura imitando/accelerando il processo naturale di decadimento e ricrescita

2. PRODUZIONE / APPLICAZIONE DEL COMPOSTO BIOLOGICAMENTE ATTIVO (solido)

Stiamo "producendo" attivamente il giusto set di microrganismi benefici e li aggiungiamo ai nostri giardini o alberi da frutta per migliorare la salute del suolo e delle piante

3. PRODUZIONE DI ESTRATTO DI COMPOSTA (liquido)

Stiamo moltiplicando questi microrganismi benefici per migliorare la salute del suolo su un'area più grande

4. PRODUZIONE TE' DI COMPOST (liquido)

Stiamo riproducendo attivamente un particolare insieme di microrganismi (per esempio funghi) per uno scopo specifico, principalmente per proteggere le piante da parassiti o malattie

5. RIPETERE REGOLARMENTE I PUNTI 1-4

Anche se una singola applicazione di materia organica / compost è buona, un'applicazione regolare e ricorrente di materia organica in combinazione con il giusto insieme di microrganismi farà miracoli!

La costruzione di due cisterne per l'acqua piovana

"L'acqua è la forza motrice di tutta la natura"

– Leonardo Da Vinci

Questa citazione non è solo valida oggi, ma è ancora più rilevante quando vediamo il forte declino delle riserve di acqua potabile a livello globale o l'impatto che il cambiamento climatico ha sul ciclo dell'acqua, solo per citare questi due.

Dall'inizio della nostra avventura per diventare agricoltori rigenerativi, sappiamo che uno dei pilastri chiave del progetto è l'uso responsabile delle risorse idriche.

Pertanto, abbiamo iniziato la costruzione di due cisterne per l'acqua piovana che serviranno per lo stoccaggio, la distribuzione e l'ottimizzazione dell'uso dell'acqua soprattutto in tempi di siccità. Inoltre, questo stoccaggio di acqua è estremamente importante nella lotta contro gli incendi che sono abbastanza comuni in estate.

Diversi incendi selvaggi nelle terre vicine monitorati da vicino dagli studenti di Natural building settembre 2020.
Combattere un piccolo incendio di cespugli con pale e zappe prima che il fuoco raggiunga la nostra terra.
Gli incendi selvaggi sono comuni in questa zona durante l'estate. La maggior parte di essi sono causati dall'uomo!

Abbiamo discusso diversi modi di costruire le cisterne senza trovare quello "giusto" finché Diego, uno dei nostri volontari con esperienza nel settore delle costruzioni, ha suggerito di costruirle in forma rotonda. Questo richiederebbe l'uso di stampi di metallo per poter versare le pareti in forma circolare. La sua fiducia e la sua motivazione ci hanno convinto ed è così che abbiamo iniziato la costruzione della prima cisterna alla fine di maggio 2020.

Il primo passo è stato quello di trovare un luogo adatto dove costruirli. Dovevano essere abbastanza vicini alla casa per mantenere una pressione costante (la pompa che ci collega alla rete pubblica è troppo lontana - a causa di ciò avevamo spesso problemi di pressione).
Una ragione ancora più importante per la vicinanza alla casa era che volevamo raccogliere l'acqua piovana dal tetto della casa.

Vista del cantiere nella prima fase.
Per lasciare che la gravità faccia il lavoro per noi, abbiamo costruito un imbuto collegato a un tubo
per versare il cemento dalla terrazza superiore direttamente nella forma. Questo ci ha fatto risparmiare un sacco di tempo e di mal di schiena 😉

Tenendo conto che le precipitazioni medie a Badolato sono 905mm/anno e che la superficie del nostro tetto è pari a 110m2, abbiamo il potenziale per immagazzinare quasi 100m3 di acqua all'anno.

Abbiamo scelto l'uliveto più vicino alla casa per costruire le cisterne, poiché è abbastanza vicino per la posa dei tubi. Allo stesso tempo, le cisterne sarebbero state nascoste tra gli alberi e non avrebbero attirato troppa attenzione dal paesaggio unico.

Fin dall'inizio, Diego ha suggerito di scavare le buche a mano perché il terreno è sabbioso e non troppo compatto. Nonostante un certo scetticismo, abbiamo accettato, e con l'aiuto di altri volontari, abbiamo iniziato a scavare.

Abbiamo usato il nostro forcone fatto in casa dal giardino per scavare la prima parte.
Uno degli stampi di metallo che sono stati utilizzati per dare forma alla cisterna.
Scavando manualmente e con un martello pneumatico.


I primi centimetri sono stati facili da scavare, ma presto abbiamo trovato sabbia grossolana molto compatta e abbiamo dovuto usare un martello pneumatico.

Un anello di metallo ci ha aiutato a mantenere lo stesso diametro giusto durante lo scavo.

La prima cisterna è larga 2m e profonda 3m, il che equivale a 9m3 o 9.000 litri. La seconda cisterna misura 2m x 3,5m che genera una capacità di 11m3 o 11.000 litri.

Scavare la seconda cisterna.
Dettaglio dello stampo e delle pareti di cemento.

Per garantire la capacità di impermeabilizzazione delle cisterne abbiamo aggiunto uno strato di pittura di finitura.

Applicare uno strato di pittura di finitura per evitare qualsiasi perdita.
Una lunga scala era obbligatoria per raggiungere tutte le parti della grande cisterna.

All'inizio di luglio, le cisterne erano pronte per essere riempite e siamo stati in grado di installare il sistema di tubi che collega il tetto a una delle cisterne per iniziare a raccogliere l'acqua piovana.

Vedi del tubo di raccolta dell'acqua piovana dall'interno di una delle cisterne. Ci fa pensare al film "2001: Odissea nello spazio"!

Dopo tante settimane di duro lavoro, abbiamo deciso di assumere un escavatore per aiutarci con le trincee per i tubi e anche per sollevare i coperchi di cemento sulle cisterne.

L'escavatore che scava le trincee per noi.
Installazione di uno dei coperchi in cemento.
Sistema di acqua piovana collegando il tetto alle cisterne.
Costruzione del coperchio.
Vista delle trincee e di Badolato borgo.
Dettaglio del coperchio della cisterna. Anello di metallo, rete e ganci.

Entrambe le cisterne hanno pompe sommerse indipendenti l'una dall'altra, il che ci permette di passare facilmente da una all'altra.

L'ultimo passo è stato quello di costruire un piccolo alloggiamento per tutti i tubi, i rubinetti e le unità di controllo. Il posto naturale per questo era proprio tra le due cisterne.

Vista delle cisterne e degli alloggi per i tubi e gli interruttori. Il brutto tubo arancione (lo nasconderemo, promesso!) è quello collegato al tetto per la raccolta dell'acqua piovana.

La configurazione attuale ci dà il pieno controllo del flusso d'acqua, per esempio, potremmo decidere di pompare tutta l'acqua di una cisterna nell'altra per la pulizia.

Queste sono le nostre facce felici riflesse sulla cisterna piena, mentre ci rendiamo conto dell'importanza di avere una tale riserva d'acqua.

Dopo alcuni mesi di utilizzo delle cisterne, possiamo dire con orgoglio che l'intero progetto ha soddisfatto tutte le nostre speranze e aspettative.

Il sistema funziona in modo così efficiente che siamo totalmente indipendenti in termini di utilizzo dell'acqua, tranne che nella stagione più secca. Questo significa che non abbiamo bisogno di comprare acqua comunale per circa la metà dell'anno! Siamo molto felici di aver aggiunto con successo un certo livello di autosufficienza alle nostre vite e a questo progetto.

Vogliamo ringraziare tutti i volontari e le persone coinvolte in questo progetto, specialmente Diego e Rob che hanno avuto un ruolo chiave nel processo di progettazione e costruzione. Siete forti, ragazzi!

Vista della zona delle cisterne dall'alto. Possiamo vedere uno dei tombini aperti.