Il ciclo del carbonio dell'olivo

In un ecosistema sano (per esempio una foresta intatta) la natura ha stabilito un ciclo del carbonio continuo con una fornitura costante di materia organica morta (rami, foglie) che cade a terra dove viene ritrasformata per diventare nuovo materiale da costruzione e cibo per tutta la vita vegetale successiva.

Con un sistema di coltura altamente specializzato come un oliveto, un frutteto o anche un orto, dobbiamo lavorare molto duramente per generare un ciclo del carbonio. Se estraessimo solo frutta, verdura o olive e non restituissimo mai nulla per sostenere un ciclo del carbonio, il suolo si impoverirebbe molto presto di materia organica essenziale e avrebbe quindi un impatto negativo sul suolo e sulle colture future.

Prendendo la natura come ispirazione, è importante osservare e capire i processi naturali e poi imitarli. I seguenti 5 passi mostrano le tecniche rigenerative che stiamo usando attualmente per raggiungere questo obiettivo:

1. SPARGERE LA MATERIA ORGANICA

La materia organica più abbondantemente disponibile è prodotta dall'olivo stesso sotto forma di foglie e rami.

Dopo aver potato gli alberi, mettiamo tutti i rami e i rametti in un trituratore e spargiamo i trucioli di legno/foglie sul terreno lungo la linea di gocciolamento dell'albero.

Lungo la linea di gocciolamento troveremo la zona delle radici più attiva. È qui che l'attività microbica è più alta. I microrganismi che sono presenti nella zona delle radici ora colonizzano il materiale organico aggiunto e quindi entrano in uno scambio di nutrienti con il sistema radicale degli alberi. In questo modo, restituiamo la biomassa persa (da vecchie foglie o rami potati) al ciclo naturale dei nutrienti.

(Fonte immagine: www.santabarbaraca.gov)

Perché non bruciamo semplicemente i rami potati come tutti gli altri in questa regione?

Anche se sminuzzare i rami e rimetterli come cippato è un processo molto più laborioso, è anche esponenzialmente più benefico per la salute del nostro suolo.

L'atto di bruciare la materia organica interrompe il ciclo del carbonio, poiché il materiale di carbonio viene perso nell'atmosfera e quindi non può essere utilizzato dai microrganismi per produrre più nutrienti per la crescita di nuove piante.
Inoltre, aggiungendo materia organica al suolo, stiamo attivamente aumentando la capacità della pianta di immagazzinare l'anidride carbonica atmosferica (CO2) nel suolo (cattura del carbonio) e quindi riducendo l'impatto della CO2 come gas serra invece di aggiungere più CO2 all'atmosfera bruciando preziosa materia organica.

Triturare rami d'ulivo con un cippatore
Restituire alla natura invece di bruciarla
Aggiunta di materia organica (trucioli di legno) intorno alla linea di gocciolamento di un olivo

2. PRODUZIONE DI COMPOSTO BIOLOGICAMENTE ATTIVO (solido)

La produzione di compost di alta qualità (= pieno di vita microbica, specialmente funghi) è l'ingrediente fondamentale per una rigenerazione di successo di qualsiasi ecosistema terrestre.

Con l'assistenza attiva della microbiologia presente in un compost completo, possiamo ristabilire anche i terreni più impoveriti e riportarli al loro pieno potenziale naturale. Si tratta di un processo aerobico che deve essere monitorato regolarmente in termini di umidità e temperatura.

Il processo di costruzione del compost comporta la stratificazione di tre materiali diversi:

1. LETAME - con un alto contenuto di azoto, idealmente da erbivori come mucche, cavalli, capre, pecore, conigli (ma anche il letame di pollo funziona).

2. VERDE - materiale con contenuto di azoto come foglie verdi, erba tagliata, steli verdi, rifiuti di cucina, ecc.

3. MARRONE - materiale carbonioso come foglie secche, rami secchi, paglia, ecc.

Usando il giusto rapporto tra questi materiali (normalmente 10% di letame, 30% di verde e 60% di marrone) e una buona gestione dell'acqua del mucchio (vogliamo raggiungere il 50% di umidità), siamo in grado di produrre un compost di alta qualità che contiene tutti i gruppi benefici di microrganismi (specialmente funghi). Questi microrganismi costruiranno un terreno sano, trasformeranno i minerali e la materia organica in nutrienti disponibili per le piante, e proteggeranno la pianta da parassiti e malattie. 

Il tipo di microrganismi può essere determinato sia quantitativamente che qualitativamente con l'aiuto di un microscopio nel nostro laboratorio del suolo. Questo è importante perché significa che sai sempre esattamente con quale microbiologia stai lavorando, dato che non tutti i microrganismi sono utili per ogni scopo.

A seconda del tipo di applicazione, il compost finito può ora essere sparso direttamente sulle aiuole del giardino o intorno agli alberi da frutta o agli ulivi. Questo favorirà la crescita delle piante attraverso l'attività microbica intorno alla zona delle radici. In contrasto con un classico processo di fertilizzazione AFP (dove di solito vengono aggiunti "solo" alcuni elementi come azoto, fosforo o potassio sotto forma di sali), l'applicazione del compost ha un effetto molto più olistico, poiché i microrganismi forniscono alla pianta anche tutti gli altri nutrienti e microelementi e la proteggono da parassiti e malattie.

Come per le piante, questi nutrienti e oligoelementi aggiuntivi saranno in grado di nutrire e guarire il nostro corpo in senso olistico. Presto scriveremo di più sul cibo denso di nutrienti, cercando di delineare come i microrganismi benefici del suolo influenzino il microbioma del nostro intestino e quanto sia importante oggi sapere da dove viene il nostro cibo o come viene coltivato.

A sinistra: Fava coltivata in terreno normale senza compost A destra: Fava coltivata in terreno con aggiunta di compost

L'immagine qui sopra mostra due piante di fave del nostro letto sperimentale in giardino. Sono state seminate nello stesso periodo e avevano circa la stessa altezza quando sono state raccolte. L'immagine a destra mostra una zolla massicciamente ingrandita. Anche la crescita degli steli (5 invece di 3) parla da sola.

A sinistra: la fava coltivata in un terreno normale senza compost
A destra: Fava coltivata nel terreno con aggiunta di compost

3. PRODUZIONE DI ESTRATTO DI COMPOST (liquido estratto dal compost solido)

Se non si può produrre abbastanza compost solido con il processo di compostaggio a caldo, relativamente impegnativo (per esempio per aree/impianti più grandi), c'è la possibilità di lavorare con l'estratto di compost. Il compost solido viene messo in un sacchetto di tessuto e "agitato" in un grande serbatoio d'acqua soffiando aria nell'acqua dal basso. In questo modo, i microrganismi presenti nel compost solido come batteri, filamenti di funghi (ife), amebe o nematodi saranno trasferiti in un mezzo liquido.

Nematode alimentatore di batteri
Microarthropod
Micro-artropodo
Ife di funghi

Dopo un breve periodo, l'estratto può essere applicato direttamente o utilizzato per irrigare un giardino o un oliveto (cioè alimentato in un sistema di irrigazione).

A seconda della quantità di materia organica nel suolo, i microrganismi aggiunti vi si insedieranno e favoriranno così il processo di costruzione del suolo e l'assorbimento dei nutrienti da parte delle piante.

4. PRODUZIONE DI TE' COMPOSTO (liquido estratto dal compost solido)

Il processo di infusione del tè di compost richiede più tempo (24 ore / 48 ore) perché, in questo caso, è necessario aggiungere cibo per incoraggiare i microrganismi a riprodursi nel mezzo liquido. L'applicazione del tè di compost persegue un obiettivo diverso dalla somministrazione dell'estratto di compost. Spruzzato direttamente sulla pianta, il tè di compost forma uno strato protettivo (un cosiddetto biofilm) sulle superfici del fusto/foglia della pianta e la protegge da parassiti e malattie, specialmente su foglie e frutti. Con un rapporto sufficientemente alto di biomassa fungina benefica, il tè di compost serve come fungicida naturale, cioè può prevenire o curare la maggior parte delle infestazioni fungine sulle foglie.

Nella nostra azienda agricola, usiamo sia estratti di compost che tè di compost, sia nei nostri orti che negli oliveti.

Produzione di tè di compost con l'aggiunta di alghe per incoraggiare la crescita dei funghi
Una volta che l'infuso è finito, lo riempiamo in contenitori trasportabili da 25L per portarlo in carriola uno ad uno alla sua destinazione

Come per il compost solido, la stessa regola generale si applica a entrambi i tipi di compost liquido (estratto di compost e tè di compost):

Un microbioma benefico completo fornisce al suolo la giusta biologia responsabile della costruzione di terreni sani e che in cambio genererà piante sane. In questo modo, aumentiamo la resilienza naturale delle piante, in modo che possano resistere meglio alle malattie e di conseguenza è meno probabile che vengano attaccate dai parassiti.

Inoculazione di materia organica con microrganismi benefici

5. RIPETERE REGOLARMENTE I PUNTI 1-4

Finché un ecosistema non è stabilizzato, cioè finché non è in grado di fornire a se stesso tutti i nutrienti necessari o di difendersi dalle malattie, dobbiamo ripetere l'applicazione di materia organica e compost solidi o liquidi. Nel nostro caso, dobbiamo correggere molti anni di pratiche agricole convenzionali in cui l'uso di prodotti chimici tossici e la mancanza di gestione del suolo erano la "normalità".

La buona notizia è che possiamo rigenerare i terreni danneggiati in un periodo di tempo relativamente breve se riusciamo a sostenere e imitare il ciclo della vita in modo adeguato.

SOMMARIO

Se vuoi riportare il tuo terreno al suo pieno potenziale, è imperativo passare prima un po' di tempo a osservare il luogo, la sua topografia, il flusso dell'acqua, la sua vegetazione attuale e altro ancora per trarre le giuste conclusioni per il tuo trattamento a lungo termine del terreno.
Scriveremo di più sul processo di osservazione / come leggere un paesaggio in un altro articolo. Per ora, riassumiamo i principali "ingredienti" per un microbioma più sano e quindi un terreno più ricco:

1. SPARGERE LA MATERIA ORGANICA

Stiamo aiutando la natura imitando/accelerando il processo naturale di decadimento e ricrescita

2. PRODUZIONE / APPLICAZIONE DEL COMPOSTO BIOLOGICAMENTE ATTIVO (solido)

Stiamo "producendo" attivamente il giusto set di microrganismi benefici e li aggiungiamo ai nostri giardini o alberi da frutta per migliorare la salute del suolo e delle piante

3. PRODUZIONE DI ESTRATTO DI COMPOSTA (liquido)

Stiamo moltiplicando questi microrganismi benefici per migliorare la salute del suolo su un'area più grande

4. PRODUZIONE TE' DI COMPOST (liquido)

Stiamo riproducendo attivamente un particolare insieme di microrganismi (per esempio funghi) per uno scopo specifico, principalmente per proteggere le piante da parassiti o malattie

5. RIPETERE REGOLARMENTE I PUNTI 1-4

Anche se una singola applicazione di materia organica / compost è buona, un'applicazione regolare e ricorrente di materia organica in combinazione con il giusto insieme di microrganismi farà miracoli!

Più alberi da frutto - Creare un bosco alimentare!

Nuovi alberi per il futuro bosco alimentare

Questo incredibile pezzo di terra ci ha fornito erbe medicinali, frutti e tutti i tipi di piante commestibili. La maggior parte di esse sono state piantate molto tempo fa dalla precedente proprietaria; Teresa Fiorenza, una gentile signora anziana che probabilmente ha vissuto momenti difficili durante e dopo la seconda guerra mondiale. Grazie per questo, Teresa!

Siamo benedetti da una varietà di piante e alberi perenni come nespole, carciofi, gelsi, datteri, pesche, prugne, albicocche, mandorle, fichi, pere, mele, kakhi, giuggiole, melograni, noci, nocciole, limoni, arance, mandarini, cedro e bergamotto. Che piacere mangiare prodotti freschi direttamente dall'albero o raccogliere dalla terra...!

Ma non si ferma qui.

Continuando l'eredità di Teresa e seguendo il nostro percorso verso l'autosufficienza, abbiamo iniziato a piantare una selezione di nuovi alberi intorno alla casa (come la la moringa e il carrubo, alcuni fichi e querce).

Giovane alberello di carrubo

"Il momento migliore per piantare un albero è stato 20 anni fa. Il secondo momento migliore è adesso".

- Proverbio cinese

Nel frutteto precedente, abbiamo aggiunto due varietà di albicocche, due varietà di mele, mela cotogna, pesca piatta (Prunus platycarpa), pesca normale, gelso e prugna.

Lungo una scogliera, in un punto più ombreggiato, abbiamo piantato ribes bianco/rosso/nero, uva spina rossa, mirtillo e lampone.

Nella parte più pianeggiante del nostro futuro bosco alimentare, utilizziamo gli swales, una forma di terreno a forma di trincea e di berma che corre lungo il contorno (punti della stessa altitudine) per catturare quanta più acqua piovana possibile per gli alberi e le piante. Nel nostro caso probabilmente dovremmo chiamarli "semi-swales", dato che sono interrotti e non perfettamente lungo il linea di contorno.

Veduta aerea dell'area del bosco alimentare, che mostra la potenziale raccolta d'acqua nei canali (in blu)

Piantagione di alberi

Vista del futuro bosco alimentare con i swales appena scavati

Abbiamo scavato delle buche nel lato "collina" del swale, circa 40-50 cm di profondità/larghezza. Un buco abbastanza grande perché le radici crescano di più prima di arrivare al suolo nativo (che di solito è più compattato). Ogni albero riceverà più acqua piovana, dato che il fossato della palude aiuterà a infiltrare tutta l'acqua superficiale nella zona delle radici.

Buca di impianto

Per aiutare questi giovani alberi, abbiamo aggiunto diversi strati di compost stagionato tra il suolo nativo. L'obiettivo con l'aggiunta del nostro compost è di inoculare il suolo nativo con una microbiologia più varia (microrganismi benefici e funghi benefici).

Questo è il motivo principale per cui abbiamo stabilito il nostro Laboratorio del suolo. Con l'aiuto di un microscopio siamo in grado di valutare la qualità del nostro compost e dei nostri terreni, soprattutto per identificare tutti i microrganismi benefici o non benefici che fanno parte del Rete alimentare del suolo.

In questo modo, prenderemo semplicemente decisioni migliori. Nel caso di piantare alberi abbiamo utilizzato un compost stagionato con più funghi che biomassa batterica, perché gli alberi sono forme di vita di una fase successiva nella successione evolutiva. Pertanto, gli alberi hanno bisogno di azoto sotto forma di ammonio NH4. I funghi sono responsabili della conversione dell'azoto in ammonio - ecco perché gli alberi preferiscono i terreni dominati dai funghi rispetto a quelli dominati dai batteri.

Aggiungere una miscela ricca alla buca di impianto (compost stagionato e terriccio)

Prima di sistemare gli alberelli nelle loro buche, abbiamo accuratamente decompattato le palle delle radici una volta che erano fuori dai loro vasi per prevenire la girdling.

Allentare la zolla è importante per lo sviluppo delle radici

Cos'è il "girdling":


Quando le piante crescono in contenitori da vivaio, le loro radici colpiscono il muro e cominciano a crescere in cerchio. Allentando la zolla e quindi rompendo lo schema circolare delle radici, la pianta molto probabilmente non continuerà a crescere in modo circolare. Abbiamo anche scavato buche quadrate nella speranza che alcune radici alla fine colpiscano un "angolo" per rompere più facilmente la soglia tra la buca e il terreno nativo.

Infine, abbiamo piantato tre pali di recinzione nel terreno intorno ad ogni alberello, (facendo attenzione a non recidere la zolla). Una volta che la siccità estiva colpisce questa terra e il sistema di irrigazione a goccia è acceso, i maiali selvatici sentiranno immediatamente l'odore dell'acqua (dato che non c'è molta acqua in giro in estate). Confonderanno qualsiasi canale bagnato per una vasca da bagno per maiali convenientemente preparata e, rotolandosi felicemente in essa, potrebbero alla fine danneggiare o addirittura sradicare piccoli alberi. Speriamo che questa misura di sicurezza protegga gli alberelli da qualsiasi attività dei cinghiali!

Creare un "bosco alimentare"
o "paesaggio commestibile"

Cos'è un bosco alimentare?

Un bosco alimentare, chiamata anche giardino forestale, è una piantagione diversificata di piante commestibili che cerca di imitare gli ecosistemi e i modelli trovati in natura. Le foreste alimentari sono disegni tridimensionali, con la vita che si estende in tutte le direzioni - su, giù e fuori. Una foresta alimentare non deve essere ripiantata anno dopo anno. Una volta che si è stabilita, è generalmente molto resistente.

Fonte: Resurgent Circles - Seeding Eden (modificato da noi)


Generalmente, riconosciamo sette strati di un giardino forestale - lo strato superiore (baldacchino), il sottobosco (alberi più piccoli), lo strato di arbusti (cespugli), lo strato erbaceo (erbe, piante medicinali, ecc.), lo strato di copertura del suolo (piante perenni come il trifoglio, ecc.), lo strato di radici (verdure da radice) e lo strato di viti (rampicanti). Ad alcuni piace anche riconoscere un ottavo strato, lo strato micellare (funghi). Usando questi strati, possiamo inserire più piante in un'area senza causare fallimenti dovuti alla competizione.

L'area del bosco alimentare è contrassegnata da una linea rossa tratteggiata

Un bosco alimentare deve essere biologica. I giardini forestali dipendono molto da un ecosistema sano e non possono essere spruzzati con erbicidi o pesticidi o avere fertilizzanti non biologici. Un ecosistema sano impiegherà diversi anni per stabilirsi, specialmente in una città o in una zona agricola aperta. Dobbiamo essere pazienti e lasciare che la natura si prenda cura di se stessa (fornendo il cibo, l'acqua e l'habitat necessari per tutti i componenti dell'ecosistema, altrimenti non verranno).

Le foreste alimentari sono un nuovo concetto di agricoltura nella nostra zona, ma sono state usate per migliaia di anni in altre parti del mondo.

Aggiunta di compost stagionato ad alto contenuto di funghi ad un albero d'arancio

Un giardino forestale ben progettato ha molti benefici:

  • Piantare densamente e usare coperture di terra per ombreggiare il suolo e sopprimere le erbacce sta tornando più resa su una data superficie.
  • Utilizzando piante che fissano l'azoto (leguminose, ecc.) e che accumulano nutrienti (comfrey, ecc.), tecniche "chop-and-drop" e restituendo i rifiuti alla terra creerà suoli sani invece di dover comprare e aggiungere fertilizzanti commerciali.
  • Piantare una gamma diversificata di piante attirerà insetti benefici per impollinare le colture di frutta e evitare che le popolazioni di parassiti esplodano e causando danni.
  • By utilizing several ground-shaping techniques we are able to mantenere l'acqua piovana sul sito.
  • A seconda della topografia, progettare per specifiche il posizionamento delle piante aiuta a creare frangivento e microclimi.
  • Ponendo l'accento su alberi, arbusti, piante perenni e annuali autoseminanti, la quantità complessiva di lavoro è notevolmente ridotta.

Nel suo libro "Gaia's Garden", Toby Hemenway raccomanda alcune delle seguenti piante che costruiscono il suolo per frutteti/foreste alimentari: 

FunzionePiante capaci di costruire il suolo
Fissatori di azotoOntano, olivo autunnale, alloro, robinia, ginestra, pisello a farfalla, coda di gatto, camomilla, erba cipollina, collard, erba medica comune, falso indaco, goumi, liquirizia, olivello spinoso, lillà selvatico, glicine, lupino selvatico, pisello dolce, senna vescica
Colture di copertura annuali che fissano l'azotoPisello austriaco invernale, fagiolo, trifoglio cremisi, fava, fieno greco, cece, veccia, piselli dall'occhio nero, fagioli di mucca, lablab, fagioli pinto, soia, canapa Sunn
Accumulatori di nutrientiErba medica, quarto d'agnello, primula, portulaca, ortica, achillea, girasole, corniolo, equiseto
Condizionatore di suoloColza, erba del Sudan e crotalaria
Risorse: “Il giardino di Gaia" di Toby Hemenway